Sei qui
Home > Formazione e pedagogia > Quell’innata voglia di imparare

Quell’innata voglia di imparare

Ogni essere umano possiede in sé il bisogno intrinseco alla conoscenza.

La “Teoria della Curiosità Epistemica”, elaborata da Berlyn (1971), considera proprio la spinta a sapere e ad apprendere come un bisogno innato e universale, esempio ne è la naturale tendenza di ognuno ad esplorare l’ambiente circostante. Il comportamento esplorativo, infatti, oltre ad essere frutto della curiosità, porta in sé il desiderio di sentirsi competenti ed efficaci.

L’esperienza dei successi e degli insuccessi vissuti nel corso delle esperienze e degli apprendimenti, permette al bambino, così come all’adulto, di sviluppare un certo senso di padronanza e di autoefficacia.

Nel caso specifico dei bambini, se questi vengono sostenuti nella loro possibilità di sperimentarsi, potranno vivere le occasioni per sviluppare obiettivi di competenza, mettendosi alla prova per il piacere e il gusto di imparare e acquisire conoscenze, senza necessità di approvazioni esterne o consensi.  Questi obiettivi, permettono ai bambini di affrontare le situazioni nuove come sfide, in cui cimentarsi e mettersi alla prova per rinforzare il proprio senso di efficacia: l’esperienza e l’esercizio delle abilità che si sviluppano, produce nei bambini un’esperienza emotiva positiva che rinforza i successivi tentativi di padronanza. Sul versante opposto, quei bambini che non vengono incoraggiati a sperimentare e mettere alla prova le proprie capacità, resteranno dipendenti dal bisogno di ottenere rinforzi esterni e tenderanno ad evitare situazioni e compiti nuovi e complessi, come anche la possibilità di dimostrare a se stessi le proprie capacità.  Ogni esperienza di apprendimento sarà, in questo caso, finalizzata a mettere in mostra le proprie abilità e saranno caratterizzate dal timore di sbagliare e sentirsi perciò incapaci.

L’esperienza dell’apprendimento coinvolgente e stimolante, in grado di predisporre situazioni nuove, complesse e tali da rendere possibile l’esercizio del pensiero divergente e creativo, diventa pertanto fondamentale all’interno di qualsiasi contesto sociale ed educativo

Top