Un GDL rinnovato

Un libro non è solo un amico, ma vi trova nuova amici. Possedendo un libro con la mente o con l spirito ci si arricchisce, ma quando lo si passa a qualcun altro si triplica la propria ricchezza. H. Miller

Nuovo approccio alla lettura condivisa: un laboratorio di lettura.

Quest’anno abbiamo voluto dare un nuovo taglio al GdL. Siamo partiti da un malessere generale che abbiano riscontrato durante questi anni: al nostro invito “Dai, vieni al nostro GdL!” Ci sentivamo spesso rispondere: “Oh mamma, devo terminare il libro e poi condividerlo… no, non riesco a farlo!” Talvolta, a causa di impegni lavorativi o priorità quotidiane il tempo da dedicare non c’è: “Appena la sera provo a leggere, crollo dalla stanchezza e mi addormento.” Ed allora ci siamo chiesti: “Come riuscire a coinvolgere chi non riesce a “finire il libro”, nonostante una passione immensa per le pagine scritte?”
Abbiamo pensato ad un laboratorio di lettura in cui si cercherà di dar vita ad attività di ricerca, di scoperta di opere di vario genere, seguendo percorsi tematici che via via, nel susseguirsi degli incontri si definiranno e che richiederanno la partecipazione attiva degli stessi lettori.
Durante l’incontro si leggeranno una serie di libri e in media res ognuno esprimerà un giudizio e farà delle considerazioni, insomma non più “resoconto” di impressioni e riflessioni sul libro del mese, ma, alla luce della lettura IMMEDIATA e DIRETTA, ci si concentrerà su ciò che il contenuto suscita in chi lo legge e in chi lo ascolta.

Così l’incontro diventa un’OCCASIONE per conoscere e far conoscere nuove opere (romanzi, racconti, poesie) per condividere impressioni, riflessioni, per scambiare opinioni. Un obiettivo importante è, infatti, quello di stimolare la curiosità, di invogliare a” saperne di più”.

Quindi armiamoci di penna e carta, o tablet e tastiera e prendiamo appunti affinché il libro possa diventare un surrogato alla nostra quotidianità: un compagno, un amico, una guida da consultare nei momenti belli o brutti.

Il taccuino del lettore. Perché?
Non è una “scheda-libro” ma un raccoglitore di impressioni, emozioni, ricordi: chi te lo ha consigliato o regalato, come lo hai scoperto, dove lo hai acquistato… Serve anche per registrare il nostro percorso, per interiorizzare i messaggi

 SCARICA IL Taccuino del lettore